good Perugia: Connesi è il main sponsor della mostra su Raffaello – Connesi

Perugia: Connesi è il main sponsor della mostra su Raffaello

Il legame tra Connesi e gli eventi culturali torna protagonista.

 

A partire dal 26 settembre, l’operatore di telecomunicazioni sosterrà il Comune di Perugia come main sponsor della Mostra “Fortuna e Mito di Raffaello in Umbria”, contribuendo allo stesso tempo a promuovere l’arte e la sua diffusione.

 

La mostra, che durerà fino al 16 gennaio 2022, si terrà nella prestigiosa cornice del Museo Civico di Palazzo della Penna e presso la Cappella di San Severo.

 

Il progetto prende il via dalle celebrazioni nazionali del V centenario dalla morte di Raffaello.

Il Comune di Perugia rende omaggio al grande artista rinascimentale formatosi proprio a Perugia accanto a Pietro Vannucci e del quale si conserva in città un’importante opera, l’affresco “Trinità e Santi” realizzato dall’artista all’interno della Cappella di San Severo in Piazza Raffaello.

 

L’evento espositivo con circa 100 opere ripercorre la fortuna e il mito dell’Urbinate attraverso dipinti, incisioni, disegni e ceramiche dal Cinquecento al Novecento e propone un percorso che costruisce un parallelo, sul piano delle testimonianze visive, dei numerosi documentari letterari e di storia della critica che saranno oggetto dell’esposizione.

 

“La cultura e l’arte in tutte le sue espressioni – spiega Nicolò Bartolini, Direttore Commerciale di Connesi – sono sempre state legate alla nostra azienda che da oltre dieci anni affianca i più autorevoli eventi. La collaborazione con il Comune di Perugia per questa importante mostra su Raffaello, è volta a preservare il legame con il territorio, a valorizzarne le eccellenze e a sostenere la diffusione di connessioni culturali”.

 

Connesi si propone come partner per le aziende e le pubbliche amministrazioni, con lo scopo di colmare il digital divide, annullare le differenze tra zone rurali e grandi città, e accompagnare nel tempo i propri clienti verso la digital transformation.

 

Newsletter

464